Menu principale Informazioni Ricerche avanzate
«« Indietro
Cerca un Istituto:

Istituto d'Istruzione Superiore "A. MEUCCI"
Sezione associata Liceo Artistico Fanoli Istituti d'istruzione superiori statali

       
via A. Gabrielli, 28 35013 Cittadella
Indirizzo CAP Comune Prov Direttore
049/5970210 049/5971830 http://www.meuccifanoli.gov.it pdis018003@istruzione.it
Tel.1 Tel.2 Fax Web Email
Cittadella        

Artistico - Architettura e ambiente Diploma di Liceo Artistico dell'Architettura e Ambiente   : 5  anni Profilo, materie e orari
Artistico - Arti figurative Diploma di Liceo Artistico delle Arti Figurative   : 5  anni Profilo, materie e orari
Artistico - Audiovisivo e multimediale Diploma di Liceo Artistico Audiovisivo e Multimediale   : 5  anni Profilo, materie e orari
Artistico - Design Diploma di Liceo Artistico del Design   : 5  anni Profilo, materie e orari
Artistico - Grafica Diploma di Liceo Artistico della Grafica   : 5  anni Profilo, materie e orari


Dal 1° settembre 2014 l’Istituto di Istruzione Superiore “Antonio Meucci” comprende anche il Liceo artistico “Michele Fanoli”. Non si tratta del mero accorpamento di due scuole distinte e distanti, bensì dell’unione di due istituti che vivono all’interno della stessa cittadella scolastica e che comunicano tramite una linea dedicata ADSL. A fronte della unificazione amministrativa degli uffici e delle segreterie, il Liceo Fanoli e l’Istituto Meucci mantengono viva la propria identità culturale, dando vita ad una fruttuosa sinergia di creatività e tecnologia, di arte e scienza.
Il D.P.R. n. 89 del 15 marzo 2010 ha istituito i nuovi Licei, prevedendo che i vecchi Istituti d’Arte confluissero nel nuovo ordinamento del Liceo Artistico. La mutazione non è solo formale, ma investe in modo sostanziale e profondo le finalità culturali, educative e formative dell’istituzione, oltre che il curricolo e il piano degli studi, determinando così una revisione organizzativa ed un mutamento di prospettiva pedagogica.
Il nuovo percorso liceale è delineato nel Profilo Educativo, Culturale e Professionale in uscita del quinquennio, che definisce la dimensione della licealità dell’educazione artistica, articolata tra la costruzione della conoscenza critica degli elementi culturali, lo sviluppo della autonoma capacità di lettura ed elaborazione dei concetti inerenti l’arte e le opere, il fondamento delle competenze, anche tecniche, per padroneggiare i linguaggi e la produzione artistica.
Dopo un primo biennio unitario, articolato in materie culturali comuni e materie caratterizzanti il corso di studi, gli allievi sceglieranno 5 possibili indirizzi a partire dal terzo anno. Il triennio, oltre a proseguire e consolidare la formazione culturale generale, è fortemente caratterizzato dalle discipline e dai laboratori di indirizzo, ai quali è riservata una quota significativa del monte ore settimanale. Il percorso del liceo artistico si apre a tutti gli sbocchi formativi universitari e del mondo del lavoro, ma, in particolare: Accademia di Belle Arti, Architettura, Design, Comunicazione, Marketing, Pubblicità, Arti Visive, Grafica, Urbanistica e pianificazione del territorio, Scuola del fumetto, Multimedia e Web design, Cinematografia, Arti drammatiche, Fotografia di Moda e pubblicitaria, Storia e Conservazione dei Beni Culturali, Restauro conservativo… e molti altri!
Il Liceo Artistico “M. FANOLI”, per quanto riguarda il suo specifico indirizzo, si inquadra nell’ambito vasto e poliedrico delle “comunicazioni visive“ ed è naturalmente volto ad una formazione che si fonda sull’interazione tra cultura umanistico-artistica, tecnico-progettuale-operativa e comunicativa.
In un momento in cui la cultura contemporanea e le altre forme della comunicazione sono caratterizzate dalla coinvolgente incidenza della componente visiva e virtuale, risulta decisivo fornire una preparazione che si caratterizza per lo stretto legame tra ambiti diversi quali quello della tradizione artistico-espressiva, quello dei saperi che afferiscono alla percezione, alla comunicazione e alla multimedialità.
Fondamentali, quindi, le discipline quali i laboratori, fulcro della Progettualita’ intesa come modalità cognitive, strutture mentali che si costruiscono in un rapporto dialettico e sinergico tra intellettualità e manualità.

Il Laboratorio diventa allora il luogo:
• dove crescono e si sviluppano le idee,
• dove si acquisiscono, si usano, si sperimentano le tecniche,
• dove avviene la formazione di indirizzo.

L’obiettivo è quello di formare un operatore nel quale la capacità inventiva e progettuale, la duttilità, derivino da una formazione culturale ricca, approfondita, organizzata da importanti riferimenti all’area culturale dei saperi storico-artistici, dei saperi che afferiscono alla percezione e alla grammatica del vedere e sostenuta da conoscenze non settoriali ma professionalizzanti.
In tale senso altre importanti materie sono: Discipline Geometriche (disegno geometrico e architettonico nel triennio; applicazioni di geometria descrittiva nel biennio), Discipline Pittoriche e Plastiche (disegno dal vero, plastica, educazione visiva) che mettono in relazione i diversi saperi allo scopo di formare un operatore dotato non solo di abilità immediatamente finalizzate al lavoro, ma Persona in cui le capacità di lettura e scrittura creativa delle realtà artistiche e ambientali scaturiscano da una operatività colta e consapevole .
Il diplomato al Liceo Artistico “FANOLI” potrà spendere le sue conoscenze e le sue capacità nei diversi settori che operano nel ricco e diversificato mondo della grafica, dell’illustrazione, dell'imballaggio, dell’arredamento.
Potrà spendere le sue capacità e conoscenze occupandosi della grafica e del design nei molteplici ed emergenti settori della progettazione e della produzione sia artigianale, sia industriale ed artistica.
La capacità di lettura e di interpretazione dei codici di rappresentazione e visualizzazione del DISEGNO degli allievi del Liceo Artistico “FANOLI” costituiscono per la società il patrimonio culturale ed operativo fondamentale per lo sviluppo della ricerca e della realizzazione di nuovi prodotti e di nuovi modelli di design.
La conoscenza delle convenzioni dei linguaggi delle rappresentazioni grafiche, tridimensionali e spaziali permettono all’allieva/o di tradurre le idee in progetti consentendo così la realizzazione di prototipi e/o di oggetti destinati alla produzione.
Le caratteristiche didattiche e formative delle discipline appena ricordate permettono all’allievo del Liceo Artistico "Fanoli" di vivere concretamente e consapevolmente l’esperienza che unisce il “sapere” al “fare”, nei momenti che vanno dall’ideazione alla progettazione fino alla realizzazione e valutazione critica del prodotto.
L’istituto svolge la sua azione formativa in un contesto territoriale caratterizzato per buoni livelli medi di benessere, garantiti da una diffusa piccola imprenditorialità e da un apprezzabile sviluppo commerciale.
La scuola ha avuto numerosi contatti con le realtà produttive del territorio e si è fatta promotrice di importanti iniziative, manifestazioni, mostre e concorsi che hanno messo in luce le sue sicure qualità e caratteristiche culturali e professionali.
Inoltre sono numerose le associazioni e gli enti che intrattengono con la scuola rapporti di collaborazione, scambio di esperienze e di cultura professionale.

ORIENTAMENTO E AMPLIAMENTO DELL’OFFERTA FORMATIVA

ORIENTAMENTO
L'Orientamento scolastico si esplica in un insieme di attività che mirano a formare e potenziare le capacità degli studenti di conoscere se stessi, l'ambiente in cui vivono, i mutamenti culturali e socio-economici, le offerte formative del territorio. A questo scopo la scuola ha messo sempre in campo tutte le proprie risorse: una didattica finalizzata e sostenuta da strumenti tecnologici adeguati, una struttura organizzativa integrata con diversi Enti territoriali, allo scopo di essere costantemente aggiornata e al passo con le trasformazioni del mondo del lavoro e della ricerca.
La nostra scuola realizza iniziative in funzione del passaggio dalla scuola media alla scuola superiore, così da favorire la comunicazione in itinere con le famiglie e gli studenti per far conoscere loro i diversi indirizzi e le peculiarità del nostro istituto; lo scopo è inoltre quello di stabilire una comunicazione efficace tra i docenti della nostra scuola e quelli delle scuole secondarie di primo grado, con particolare riferimento all'individuazione di elementi di continuità tra i due gradi di scuola.
Afferiscono all’area dell’orientamento i seguenti progetti:
Orientamento in ingresso
Orientamento in uscita
Orientamento universitario e post-diploma
La Scuola incontra l’Impresa

ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO
La legge 107/2015, nel commi dal 33 al 43 dell’articolo 1, sistematizza l’alternanza scuola lavoro dall’a.s. 2015-2016 nel secondo ciclo di istruzione, attraverso la previsione di percorsi obbligatori di alternanza lavoro nel secondo biennio e nell’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado, con una durata complessiva di almeno 400 ore negli istituti tecnici e professionali e almeno 200 ore nei licei, da inserire nel Piano dell’offerta formativa. La legge prevede la possibilità di stipulare convenzioni per lo svolgimento di percorsi in alternanza, oltre che con aziende di settore, anche con gli ordini professionali e con enti che svolgono attività afferenti al patrimonio artistico, culturale e ambientale o con enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI. Al Dirigente Scolastico spetta il compito di individuare le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili per l’attivazione di percorsi di alternanza scuola lavoro e di stipulare convenzioni finalizzate anche a favorire l’orientamento dello studente, nonché di redigere una scheda di valutazione finale sulle strutture convenzionate, in cui sono evidenziate le specificità del loro potenziale formativo e le eventuali difficoltà incontrate nella collaborazione. La legge prevede, infine, la costituzione presso le Camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, a decorrere dall’ a. s. 2015/16, del Registro nazionale per l’alternanza scuola lavoro, in cui sono visibili le imprese e gli enti pubblici e privati disponibili ad accogliere studenti per percorsi di alternanza (quanti giovani e per quali periodi).
Il progetto di alternanza scuola lavoro si fonda sull'intreccio tra le scelte educative della scuola, i fabbisogni professionali delle imprese del territorio e le personali esigenze formative degli studenti.
Per gli allievi di quarta e di quinta, che non rientrano nelle linee di legge già a partire dall’anno scolastico 2015-2016, l’alternanza scuola lavoro si svolgerà secondo modalità e tempi stabiliti dai referenti per gli stage.
A partire da quest’anno le ore di alternanza scuola-lavoro (ASL) svolte dagli studenti nell’arco del triennio dovranno essere certificabili e inserite nel curriculum dello studente. Perciò la scuola tiene traccia delle attività svolte dagli studenti che, a vario titolo, rientrano nell’ambito dell’ASL:
1. stage estivo 2. stage non estivo 3. visita aziendale 4. uscita didattica professionalizzante (esempio: visita alla biennale del cinema) 5. partecipazione a gare pertinenti con l’indirizzo di studio (esempio: partecipazione alle olimpiadi dell’informatica) 6. corso di formazione professionalizzante (esempio: corso di saldatura) 7. corso di formazione sulla sicurezza.

PNSD
Il cosiddetto Piano Nazionale Scuola Digitale, previsto dalla legge 107/2015 Buona Scuola e finanziato dai relativi fondi, nonché dai fondi Strutturali Europei (PON Istruzione2014-2020), si attua attraverso l’intervento di un Animatore digitale e di un Team per l’innovazione nei seguenti ambiti: spazi e ambienti per l’apprendimento, amministrazione digitale, competenze degli studenti, formazione del personale. Tra le funzioni di tali attori, che non necessariamente dovranno essere dei formatori, c’è quella di stimolare la formazione interna alla scuola sui temi del PNSD, sia organizzando laboratori, sia animando e coordinando la partecipazione alle altre attività formative; quella di favorire la partecipazione e spronare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di workshop e di altre attività, anche aprendo i momenti formativi alle famiglie e ad altri attori del territorio; quella di individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili, da diffondere all’interno degli ambienti della scuola, coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure. Nello specifico, il nostro Istituto si pone come obiettivi prioritari quelli di utilizzare al meglio le risorse tecnologiche già in dotazione (ad esempio le LIM, il registro elettronico ecc.) attraverso un monitoraggio sull’utilizzo attuale, attraverso corsi di formazione di didattica con l’utilizzo delle nuove tecnologie, attraverso l’individuazione delle esigenze da parte di professori e studenti; di creare una piattaforma di condivisione per i docenti, a livello di dipartimenti, per gli studenti, con classi virtuali; di svolgere laboratori formativi per gli studenti finalizzati alla cura del sito web degli studenti dell’Istituto.

PROGETTO DISLESSIA: DALLA DIAGNOSI ALL’ACCOGLIENZA
A partire dal 2007, il nostro Istituto si è attivato nella formazione di due insegnanti Referenti per gli studenti soggetti a DSA (Disturbi Specifici dell’Apprendimento) o BES (Bisogni Educativi Speciali) anticipando i contenuti della legge 170/2010.

EDUCAZIONE ALLA LEGALITÀ
Con la circolare n. 302/93 del Ministero della Pubblica Istruzione, l’educazione alla legalità è stata formalmente introdotta nelle scuole, con l’obiettivo dichiarato di elaborare e diffondere un’autentica cultura dei valori civili, in assenza dei quali stereotipi di comportamento finalizzati alla sopraffazione dell’altro, alla volgarità, all’utilitarismo, sfociano talvolta in nuove forme di “devianza giovanile”. Nella consapevolezza che condizioni quali dignità, libertà, solidarietà, sicurezza, non possano considerarsi come acquisite per sempre, ma vanno perseguite, il nostro Istituto promuove attività didattiche ed incontri che approfondiscono tematiche inerenti alla educazione alla legalità e alla cittadinanza.

EDUCAZIONE ALLA SALUTE
Tra gli obiettivi di una scuola che voglia promuovere modelli educativi di riferimento per scelte sane, rientra certamente l’apprendimento dei fattori di rischio e dei fattori di protezione. Anche il nostro Istituto, attraverso una serie di attività, intende stimolare gli studenti alla riflessione sulle tematiche legate alla salute, perché questi possano acquisire corretti stili di vita e mantenere il benessere psico-fisico, nonché promuovere la consapevolezza e la capacità di scelta nelle sfere dell’affettività e della sessualità. Per quasi 200 ore all’anno è attivo il C.I.C., ovvero lo sportello di ascolto destinato ad allievi e genitori.

SOSTEGNO ALLA DIDATTICA
Alcuni docenti del nostro Istituto promuovono una serie di attività progettuali che spaziano dalla pratica sportiva, all’incontro tra la scuola e la ricerca, alla promozione della lettura di libri e quotidiani, al sostegno agli alunni stranieri di nuova immigrazione, al monitoraggio dei lavori da presentare agli esami di maturità, alla formazione di un gruppo vocale. L’eterogeneità di tali proposte e la varietà degli ambiti in cui queste si inseriscono, rispondono al desiderio di integrare le attività didattiche curricolari con iniziative che amplino l’orizzonte culturale dei ragazzi, che ne favoriscano la socializzazione, che stimolino l’approfondimento, che valorizzino le qualità ed il talento.

Progetto serigrafia: il progetto ha l’obiettivo di favorire la capacità creativa e progettuale attraverso due sistemi di stampa, da sempre in uso, sia a livello artistico che a livello commerciale.
Progetto ceramica: il progetto è destinato agli studenti di tutti gli indirizzi che esprimano l’interesse, nell’ambito del proprio percorso didattico, autonomamente o in relazione a quanto già ideato in altra disciplina, di realizzare singolarmente o a piccoli gruppi, manufatti in argilla. Gli obiettivi sono quelli di arricchire l’offerta formativa del Liceo Artistico con una strumentazione, il forno, già presente in loco e tuttavia scarsamente utilizzata in passato, nonché di realizzare in terza dimensione manufatti a forte carica materica e cromatica che solo l’argilla consente promuovendo tra gli studenti la passione per l’arte ceramica.
Il quotidiano in classe: il progetto ha l’obiettivo di favorire la consapevolezza della realtà in cui viviamo, attraverso l’analisi e il commento dei principali avvenimenti di attualità attraverso la lettura de Il Corriere della Sera e Il Sole 24 Ore.
Studio pomeridiano assistito: attività di studio autonomo svolta negli spazi dell’Istituto con il supporto didattico di alcuni docenti. Per l’indirizzo tecnico, gli allievi saranno seguiti nello studio di matematica, fisica, italiano/diritto, inglese; per l’indirizzo artistico, gli allievi saranno seguiti nello studio di matematica, fisica, inglese, italiano, discipline grafiche e pittoriche.
Progetto Intercultura: il progetto ha l’obiettivo di favorire l’inserimento e l’integrazione degli alunni di madrelingua non italiana.
Progetto di avviamento alla pratica sportiva e partecipazione ai Campionati Studenteschi individuali e a squadre: in orario extracurricolare i ragazzi si cimenteranno nelle corsa campestre, in sport invernali, nel nuoto, nell’atletica leggera, nella pallavolo, nel calcio a 5, nel basket, altri.
Progetto Sport “Una marcia in più nella vita”: oltre al corso di tennis e/o hockey da svolgersi durante le ore curricolari, il progetto prevede anche attività relative ad eventuali proposte di enti e/o federazioni sportive.
Coro: il progetto ha l’obiettivo di stimolare lo studio della vocalità, del linguaggio musicale e del repertorio corale di vari stili, con particolare attenzione a quello giovanile.
Progetto Arduino: progetto proposto dalla Confindustria di Cittadella e rivolto agli studenti delle scuole superiori, i quali dovranno curare la progettazione di un dispositivo, basato su scheda Arduino, in qualsiasi ambito di funzionamento (domotica, sanitario, ecc.).
Laboratori di scrittura per la prevenzione del bullismo.
Incontri relativi a: prevenzione incidenti sulla strada, pratiche di guida corretta e consapevole, prevenzione su abuso di alcol e di sostanze, pratiche di soccorso e pronto intervento, educazione alla donazione (AVIS, AIDO), sessualità e violenza sulle donne, cyberbullismo, prevenzione andrologica.
A scuola di Libertà: il progetto, rivolto agli alunni delle classi quarte dell’Istituto, intende affrontare le problematiche inerenti alla legalità e alla devianza, grazie ad un’informazione concreta e reale che si sviluppa attraverso le esperienze dirette dei detenuti della casa di detenzione Due Palazzi di Padova e di coloro che lavorano quotidianamente a stretto contatto con loro, come la redazione di Ristretti Orizzonti. Il progetto, inoltre, vuole promuovere un modello di vera Sicurezza Sociale, basato su solidarietà, prevenzione e responsabilizzazione.
Orientamento permanente: il progetto prevede diverse attività e si pone vari obiettivi. Innanzitutto, quello di orientare gli alunni delle classi seconde nella scelta consapevole dell’articolazione dell’indirizzo che intendono frequentare nel triennio; nella prospettiva, poi, di prevenire la dispersione scolastica, si intende aiutare gli alunni che presentino gravi e diffuse insufficienze alla fine del primo trimestre a capire le motivazioni di tale insuccesso; per gli allievi di recente immigrazione sono previste attività pomeridiane mirate ad incentivare l’autostima, affinché, da figure deboli della classe, possano sentirsi parte attiva del gruppo, anche usando la propria lingua; infine, si cercherà di stimolare, attraverso le testimonianze di quanti hanno intrapreso la via dell’illegalità, alla riflessione sulle conseguenze della devianza scolastica, che rende alcuni soggetti particolarmente esposti al rischio di fare scelte sbagliate. Le attività si svolgeranno nel corso dell’intero anno scolastico e vedranno impegnati alunni, docenti, esperti e figure esterne che operano nel territorio.
Certificazione linguistica: la scuola organizza corsi di preparazione agli esami di certificazione tenuti da esperti esterni ed ai quali accederanno gli allievi selezionati dai docenti di Inglese, per un numero massimo di 16 studenti per corso.
Progetto Teatro in Inglese: il progetto, la cui finalità è quella di migliorare le abilità comunicative in lingua inglese prima ancora di valorizzare le attività di messa in scena di una rappresentazioni teatrale, è rivolto alle classi quarte del liceo e sarà strutturato come un laboratorio, al quale si accede liberamente.
Progetto ECDL: per gli allievi delle classi terze degli indirizzi di Elettronica e di Telecomunicazioni si rende obbligatoria la patente informatica e la preparazione ai relativi esami viene inserita nella preparazione curricolare. La scuola provvede all’acquisto delle skill cards, mentre il costo degli esami sarà a carico degli studenti. La scuola offre l’opportunità di conseguire la patente ECDL anche ad altri studenti dell’Istituto che lo desiderano o al personale della scuola: in questo caso, la spesa sarà interamente a carico degli interessati.
Mostra del libro: la biblioteca dell’Istituto ospita per una settimana, nell’imminenza delle vacanze natalizie, la mostra del libro, in occasione della quali moltissimi volumi messi a disposizione da una libreria vengono venduti con lo sconto del 20%.
La Scuola incontra la Ricerca: ricca serie di attività che si articolano in incontri con Enti di Ricerca, con l’Ateneo padovano, nonché con illustri ricercatori dell’AIRC; nei progetti Lauree Scientifiche, ISZV-edu, Sperimentando, Attivamente.
Progetto "GraCE - Cammini esplorativi attraverso la Teoria dei Grafi": nell'ambito del Piano Lauree Scientifiche, il Dipartimento di Matematica dell'Università di Padova propone un'attività di laboratorio matematico e informatico, rivolto a studenti di quarto e quinto anno delle scuole secondarie di II grado del Veneto con indirizzi matematico-informatico, con l’obiettivo di favorire l'allineamento dei percorsi formativi dalla scuola all'università, nonché di stimolare gli studenti degli ultimi anni di scuola superiore a sviluppare un pensiero critico e ad auto valutarsi.

Liberi di Scegliere: Copyright 2012 Provincia di Padova grafica: schiavo - l'image